in ,

Pasta asparagi selvatici e guanciale

Sapori autentici per un primo piatto delizioso

La pasta con asparagi selvatici e guanciale è un primo piatto in cui il gusto intenso e caratteristico degli asparagi si amalgama con il sapore rustico e autentico del guanciale. Gli asparagi sono famosi per le proprietà diuretiche e disintossicanti .Nel caso in cui la vostra raccolta fosse stata eccezionale, gli asparagi si prestano a tante ricette deliziose che potete trovare su questo link!

pasta asparagi selvatici e guanciale

Pasta asparagi selvatici e guanciale

Preparazione 15 minuti
Cottura 30 minuti
Portata Portata principale, primo piatto
Cucina Italiana, Sarda
Porzioni 4 persone

Ingredienti
  

  • 320 gr Pasta corta
  • 400 gr Asparagi selvatici o comuni
  • 200 gr guanciale pepato
  • mezza cipolla
  • olio di oliva qb

Istruzioni
 

  • Lavate bene gli asparagi sotto l'acqua corrente e rimovete la parte inferiore del gambo se troppo legnosa.
  • Tagliate gli asparagi a rondelle di circa 2 centrimetri di lunghezza, tritate finemente la cipolla e tagliate a strisce sottili il guanciale.
  • In una padella larga cosparsa di olio di oliva evo, fate rosolare la cipolla e gli asparagi per una decina di minuti, il tempo necessario per fargli appassire. Non devono attaccarsi, nel caso aggiungete un pò d'acqua.
  • Una volta cotti, spostate gli asparagi in un altro recipiente e, nella stessa padella, procedete a rosolare il guanciale finché non risulta croccante.
  • Nel mentre, portate ad ebollizione l'acqua per la pasta e procedete a salarla.
  • Una volta scolata, versate la pasta nella padella con il guanciale, aggiungete il preparato con gli asparagi e mescolate energicamente il tutto.
    pasta asparagi selvatici e guanciale
  • Fate mantecare qualche minuto e servite calda.
No ratings yet

Note

Se non avete a disposizione gli asparagi selvatici, potete usare quelli comuni reperibili nei mercati.
Ricordate il guanciale deve essere rosolato come per  la pasta alla carbonara: sottile e croccante.
Se il guanciale non è pepato, aggiungete il pepe a vostro piacimento a fine cottura.
Potete sostituire il guanciale con la pancetta.
Un piatto così ricco può essere accompagnato con un vino bianco fresco, come un Torbato, un Vermentino o una Vernaccia di Oristano.

Torta alla ricotta: senza glutine e farina

Crostata “Della Babbaiola“